privacy

sito

net parade

siti web

lunedì 1 giugno 2015

Il ritorno dello sciacallo e fuffa assortita

Inconsolabili lettori eccoci a voi con il primo post di giugno, le cose di cui parlare sono molte, quindi andiamo ad iniziare senza indugi.
Per primo occupiamoci del noto komandante sanremese (di adozione). L'incauto viandante che si avventurasse sul suo fogna-blog può imbattersi in questo "articolo":
Facciamoci forza e proviamo a leggere i deliri strakeriani:
Recentemente è stato stroncato da un infarto il calciatore belga Gregory Mertens. Il decesso si aggiunge purtroppo a numerose altre morti che sempre più spesso si verificano tra atleti sia dilettanti sia professionisti. I controlli cui era stato sottoposto il giovane giocatore non avevano mai denotato problemi cardiaci, inoltre Mertens si è improvvisamente accasciato al suolo durante una partita amichevole: ciò porta ad escludere che avesse assunto sostanze dopanti. Il fatto indiscutibile è il seguente: l’aria è sempre più inquinata dalle emissioni degli aerei (vedi alla voce geoingegneria clandestina) e, tra gli innumerevoli veleni delle chemtrails, bisogna ricordare il bario che attacca ed indebolisce in particolar modo i muscoli… ed il cuore è un muscolo.
Magari dare un'occhiata in giro per scoprire cos'è un infarto :
Clinicamente è una sindrome acuta provocata da una insufficiente irrorazione sanguigna ad un organo o a parte di esso, per una occlusione improvvisa o per una stenosi critica delle arterie che portano il sangue in quel distretto dell'organismo.
Insomma i "muscoli indeboliti" c'entrano come i proverbiali cavoli a merenda. Naturalmente i suoi fedelissimi gonzi bevono il tutto senza avere il minimo dubbio:
Prank domenica, maggio 31, 2015 12:56:00 PM
Ragazzi, da un paio di giorni ho delle strane aritmie cardiache,,,spero sia solo nervoso nel vedere sto lurido cielo! Non vorrei fosse il bario..
 Lasciamo il komandante e passiamo al fratello acconguagliato, il noto pro fesso re sanremese (di adozione), vediamo cosa ci propina sul suo blog:
Vediamo un po di riflessioni cazzate zretiane:
L’I.S.I.S. è senza dubbio una creatura partorita da cricche ultrareazionarie: Stati Uniti e molti paesi (arabi e no) fingono di combatterlo, mentre, sotto banco, lo finanziano e lo armano. L’obiettivo è quello di incolpare lo stato “islamico” di un attentato sul suolo statunitense? E’ in programma un gigantesco false flag che scateni un’ondata di xenofobia anti-musulmana, utile all’elezione di Jeb Bush alla presidenza di U.S.A.tana? Jeb Bush è il candidato “ideale” per la Casa bianca, poiché può contare sul segreto appoggio del Vaticano, in quanto, requisito ben raro, affiliato al cattolicissimo ed influente Ordine dei cavalieri di Colombo.
E’ la solita parabola dialettica: genero il problema, ossia l’I.S.I.S. con le sue atrocità innominabili; attendo l’inconsulta reazione dell’opinione pubblica, cioè il terrore e l’odio verso il nemico “esterno”; propongo la risoluzione, vale a dire l’elezione di un feroce fantoccio guerrafondaio.
All’interno di tale disegno si potrebbe comprendere meglio il ruolo di Papa Francesco (o comunque della Compagnia di Gesù) che, fingendo con scaltrezza mefistofelica di promuovere i valori del Cristianesimo, sta spianando la strada all’instaurazione di un Nuovo ordine planetario, con il preludio di un sanguinoso conflitto su scala mondiale.  
Come dite? Tutta roba già sentita mille volte e sbufalata abbondantemente? Abbiate pazienza il pro fesso re non può sempre dire qualcosa di intelligente, anzi: è mai accaduto che abbia scritto qualcosa di intelligente?
 Continuiamo parlando di scie "chimiche", la conversione dell'ex presidio stop scie chimiche pn ha interessato anche il quotidiano Messaggero Veneto che ha dedicato alla questione un articolo:
Proviamo a leggere qualche pezzo:
PORDENONE. Stop scie chimiche? Non più. Dal 26 maggio il comitato spontaneo pordenonese dà battaglia ai campi elettromagnetici. Ma la svolta, di nome e di fatto, finisce nel mirino dei social, additata come un «voltafaccia». Pronta la replica degli attivisti: «La nostra è una presa di coscienza».
Non solo è cambiata la denominazione del comitato da “Presidio stop scie chimiche” a “Stop modificazione climatica Pn”, ma anche la professione di fede. Sul profilo social del gruppo (che peraltro come “Stop scie chimiche” si era guadagnato più di 14 mila “mi piace”) viene proclamata l’abiura del precedente credo, di cui permangono, a imperitura memoria del web, alcuni post, l’ultimo dei quali di soli 15 giorni prima.
Gli attivisti, protagonisti di numerose iniziative e manifestazioni da Pordenone fino a Bruxelles, tramite la collaborazione di un europarlamentare, allargano le braccia, rivelando di essere rimasti vittima di un inganno, ma in completa buonafede.
Traditi, secondo quanto loro stessi raccontano, dal loro stesso “guru della geoingegneria”. Oltre alla beffa, il danno, perché, rivelano gli attivisti pordenonesi, ci hanno rimesso anche di tasca loro per diffondere il documentario del guru.
Quiz: chi sarà il "guru della geoingegneria", chi indovina avrà in premio una copia del libro di zret "a poca lissi a liene".
Andate a leggervi l'articolo completo, questa è la conclusione:
Orfano delle scie chimiche, ora su Facebook il gruppo professa la nuova teoria: «Stando alle ultime rivelazioni, quasi la totalità del controllo del clima sia da imputarsi all’uso scientifico e programmato di campi elettromagnetici tramite antenne presenti su tutto il territorio nazionale (ma ormai mondiale) che, in qualche modo, agevolano la condensazione del vapore in atmosfera e il suo movimento tramite polarizzazione».
Morto un papa, se ne fa un altro.
Numerosi i commenti, tra cui quello di un noto personaggio:
 Sì proprio il komandante...
Restiamo in tema di scie con una rapida incursione su giù la coda, il blog dello zanni.
Scrive un "avvocato andrea mangia"

Salve dott. Lannes,
La presente al fine di segnalarLe che anche in Svizzera, precisamente a Vohlen (Zurigo), il cielo presenta il solito squallido panorama del quale si parla spesso nel suo blog! Queste foto sono state appena scattate ed inviate da mio fratello che risiede lì. La saluto cordialmente
Andrea Mangia
Un commento:
Le Gall5/30/2015

è orribile e dapertutto. dalla Bretagna dove vivo (sono bretone) alla Germania che visito spesso, in tutti i paesi controllati dall'Otan ! ...Queste scie assomgliano al simbolismo occulto masonico...non è per caso...
Questo probabilmente crede alla balla secondo cui in Russia ed in Cina non si vedono scie...
 Era un po' che non parlavamo di Tesla...ecco che vopus (new entry) ci offre l'occasione con un lungo articolo, ripreso poi da un universo di minchioni e fuffa real time.
 L'intervista risalirebbe al 1899, della rivista "immortality" non c'è traccia. La cosa è lunga, vi riportiamo un paio di brani scelti:
GIORNALISTA:Sig. Tesla, lei si è guadagnato la fama dell’uomo che si è addentrato nei processi cosmici. Chi è lei, signor Tesla?
TESLA: È una domanda interessante, Sig. Smith, e tento di darle una risposta adeguata.
GIORNALISTA: Dicono che lei provenga dalla Croazia, dalla zona denominata Lika, dove la gente cresce assieme agli alberi, alle rocce e al cielo stellato. Dicono che il suo paese natale porta il nome dei firi della montagna, e che la casa dove nacque si trova vicino al bosco e alla chiesa.
TESLA: Davvero tutto ciò che ha detto è la verità. Sono orgoglioso della mia origine serba e della mia patria croata (fino al 1918 la Croazia ha fatto parte dell'Impero Austro Ungarico...).
GIORNALISTA:I futuristi dicono che il secolo XX ed il secolo XXI sono nati nella testa di Nikola Tesla. Celebrano il campo magnetico all’inverso e cantano inni al motore a induzione. Il suo creatore fu chiamato “il cacciatore che acchiappò la luce nelle sue reti dalle profondità della terra” e “il guerriero che catturò fuoco dal cielo”. Si dice che sia il padre della corrente alternata, colui che farà sì che la Fisica e la Chimica dominino la metà del mondo. L’industria lo proclamerà suo santo supremo, un banchiere per i più grandi benefattori. Nel laboratorio di Nikola Tesla si è scisso per la prima volta un atomo. Si è creata un’arma che produce vibrazioni sismiche. Lì si scoprirono raggi cosmici neri. Cinque razze lo venereranno in futuro, perché ha insegnato loro un grande segreto: che gli elementi di Empedocle si possono irrigare con le forze vitali degli eteri.
TESLA: Sì, queste sono alcune delle mie scoperte più importanti. Anche così sono un uomo sconfito. Non sono riuscito a ottenere il maggiore dei miei obiettivi.
GIORNALISTA: Quale sarebbe questo desiderio, signor Tesla?
TESLA: Vorrei illuminare tutta la terra. C’è elettricità suffiente per creare un secondo sole. La luce apparirebbe attorno all’equatore, come l’anello attorno a Saturno. L’umanità non è pronta per la grandezza. A Colorado Springs ho impregnato la terra di elettricità. Potremmo spargere anche le altre energie, come l’energia mentale positiva che si trova nella musica di Bach o Mozart, o nei versi dei grandi poeti. All’interno della Terra ci sono energie di allegria, pace e amore che si esprimono per esempio attraverso un fire che cresce dalla terra, gli alimenti che escono da essa e tutto ciò che la rende la casa dell’uomo. Ho passato anni cercando la maniera di far sì che questa energia potesse inflenzare la gente. La bellezza e l’aroma delle rose possono essere utilizzati come una medicina ed i raggi del sole come un alimento. La vita ha un numero infiito di forme e il dovere degli scienziati è quello di trovarle in tutte le forme della materia. Tre cose sono essenziali in questo senso. Tutto quello che faccio è cercarle. So che non le troverò, ma comunque non vi rinuncio.
Un secondo pezzetto:
GIORNALISTA: Le faccio una domanda che avrebbe potuto esser fatta al principio di questa conversazione: che cos’è stata l’elettricità per lei, egregio signor Tesla?
TESLA: Tutto è elettricità. All’inizio fu la luce, fonte senza fie da cui proviene la materia ed è distribuita verso tutte le forme che rappresentano l’Universo e la Terra con tutti i suoi aspetti della vita. Il nero è il vero volto della Luce, solo che non lo vediamo. È una notevole grazia per l’uomo e le altre creature. Ognuna delle loro particelle possiede luce, termica, forza nucleare, radiazione, chimica, meccanica e l’energia ancora non identifcata. Ha il potere di creare la Terra con la sua orbita. È l’autentica leva di Archimede.
GIORNALISTA: Sig. Tesla, lei è troppo sbilanciato verso l’elettricità.
TESLA: Sono elettricità. O, se lo preferisce, io sono la luce nella forma umana. Anche lei è elettricità, Sig. Smith, ma non se ne rende conto.
GIORNALISTA: È per questo motivo che ha la capacità di sopportare scariche di un milione di volt attraverso il suo corpo?
TESLA: Immagini un giardiniere che venga attaccato dalle erbe. In realtà, questa sarebbe una pazzia. Il corpo dell’uomo e il cervello sono composti da una gran quantità di energia. In me esiste in maggior parte l’elettricità. L’energia, che è diffrente in ogni persona, è quello che rende l’essere umano “io” o “anima”. Per altre creature nella loro essenza, l’anima della pianta è l’anima dei minerali e degli animali. La funzione cerebrale e la morte si manifestano nella luce. I miei occhi in gioventù erano neri, ora sono azzurri, e col passare del tempo, man mano che la tensione del cervello si fa più forte, si avvicineranno al bianco. Il bianco è il colore del cielo. Alla mia fiestra, una mattina arrivò una colomba bianca, alla quale davo da mangiare. Ella voleva dirmi che stava morendo. Dai suoi occhi uscivano fasci di luce. Non ho mai visto negli occhi di nessuna creatura tanta luce come in quelli di quella colomba.
GIORNALISTA: Il personale nel suo laboratorio parla di scintillii di luce, fuoco e lampi che si producono se è arrabbiato o in qualche tipo di rischio.
TESLA: È la scarica psichica o un avvertimento per stare in allerta. La luce è sempre stata dalla mia parte. Sa come scoprii il campo magnetico rotante ed il motore ad induzione, quello che mi rese famoso quando avevo 26 anni? Un pomeriggio d’estate, a Budapest, vidi col mio amico il tramonto del sole. Migliaia di fuochi si trasformavano in migliaia di colori fimmeggianti. Mi ricordai di Faust e recitai suoi versi e dopo, come in una nebbia, vidi girare il campo magnetico ed il motore ad induzione. Li vidi nel Sole!
Per fortuna non tutti sono gonzi, ecco un commento su un universo:
Gabri di Gaia on 31 maggio 2015 at 10:54 said:
Non sono neanche arrivata a metà che ho lasciato perdere…questa mi sa tanto di bufala, una delle moltissime che girano in rete…
 E due commenti su fuffa real time:

Nemesi ha detto...
da quello che ho potuto capire facendo qualche ricerca, questa intervista non è mai avvenuta.
sarebbe però la trascrizione di parte dei dialoghi di un'opera del 2001 in cui appunto john smith intervista nikola tesla.
lascio il link su imdb dell'opera o film che dir si voglia: http://www.imdb.com/title/tt0288842/
30 maggio 2015 19:12
Anonimo ha detto...
Un testo confuso e vaneggiante...sicuramente una bufala
31 maggio 2015 12:05
 E passiamo ad occuparci di alieni & alienati
Ricordate che in questo post abbiamo parlato della prima parte di un'intervista apparsa su anticervelli, l'intervistato era jordan maxwell mentre gli intervistatori erano Kerry Cassidy e Bill Ryan di Project Camelot  sappiamo che eravate in fremente attesa del seguito e, siccome siamo buoni, vi accontentiamo.
KC è kerry cassidy e JM è jordan maxwell. Anche qui qualche brano scelto:
KC: Così, dietro le quinte si opera verso questa 'preparazione' alla mutazione genetica dell'essere umano.
JM: In Genesi 18 si narra del profeta ebraico Abramo e di sua moglie Sara. Si descrive l'arrivo di tre misteriosi individui presso il loro campo. Abramo esce dalla tenda, saluta i tre e chiede loro di fermarsi per la cena.
I tre gli rispondono di no, perché sono in viaggio verso altre attività e non hanno il tempo di fermarsi. Abramo però insiste tanto che alla fine i visitatori accettano. Così la Bibbia narra che Sara, moglie di Abramo, prepara un pasto che il marito e i visitatori consumano sotto un albero. Dopo cena due dei visitatori si alzano e lasciano il convivio per proseguire verso i loro affari, mentre il terzo, che rimane in compagnia di Abramo, secondo la Bibbia è Dio, cioè il creatore degli esseri umani. Pasteggia con Abramo sotto un albero, annuncia delle profezie, poi si alza e lascia anch'egli l'accampamento.
In Genesi 19, viene spiegato che i due individui ripartiti per primi fossero due angeli diretti verso Sodoma e Gomorra. Quando questi due personaggi entrano in Sodoma e Gomorra, gli omosessuali vedendoli ammirarono la loro bellezza. Nel frattempo il Creatore del genere umano è letteralmente seduto sotto un albero e sta cenando con Abramo. Ora, sono certo che esistano interpretazioni allegoriche e spirituali di questa narrazione. Sta di fatto che non si tratta dell'unico caso in cui la Bibbia descrive Dio in modo quantomeno ambiguo. Quando in Genesi leggiamo che Dio cammina insieme ad Adamo ed Eva nel fresco della sera, l'atto è espresso con un verbo che include il rumore, cioè la produzione di un fruscio di foglie calpestate. E' questo l'esatto significato espresso dal verbo ebraico usato per descrivere l'atto del camminare di Dio con Adamo ed Eva. Così è difficile supporre che fosse un modo di dire allegorico. Ciò implica che secondo il Vecchio Testamento chi ci ha creati apparisse esattamente uguale a noi, e questo è il motivo per cui le Scritture parlano di una creatura umana fatta ad immagine e somiglianza del proprio creatore.
Chiaro no?
KC: Stiamo assistendo ad una accelerazione dell'ordine del giorno degli Illuminati, che tra le altre cose contempla una riduzione della popolazione. Mi chiedo se anche questo aspetto abbia a che fare con la creazione di una nuova razza di umani ..
JM: Se l'ipotesi della mutazione indotta è reale, allora bisogna prendere atto che gli esseri umani in realtà siano coltivati. È per questo che si parla di 'culture'; proprio come le culture in vitro, cioè i batteri esaminati al microscopio. Noi siamo questo: una cultura. Qualcuno ci ha effettivamente assemblati come una cultura biologica, e ci ha osservati crescere fino a quando non siamo diventati come una sorta di virus che uccide tutto ciò che gli sta intorno. Sono convinto che chi ci ha creati già sapeva che in un lontano futuro, una volta che la sua 'cultura' fosse cresciuta, sarebbe dovuto intervenire per apportare nuove modifiche. E' ciò di cui parlavano i nazisti e Wernher von Braun. I nazisti erano estremamente eruditi sul tema e conoscevano bene il simbolo di cui stiamo discutendo, il simbolo del sole tra le montagne d'Oriente.
Mentre ad esempio l'Inghilterra ha sempre avuto una fissazione per l'antico Egitto, i tedeschi erano ossessionati dall'Iraq. Babilonia. E lo erano perché - a mio avviso - l'intellighentia tedesca era risalita alla storia che sto cercando di esporre, in cui Babilonia ricopre un ruolo cruciale. L'attuale Iraq. E credo che questo sia uno dei motivi occulti per cui gli Stati Uniti ancora oggi permangano in Iraq. Posso dimostrare che i simboli usati in terra irachena dal governo degli Stati Uniti ricalcano esattamente quelli di cui ti parlavo, che discendono dagli Anunnaki, dai fenici-cananei, dall'antica Roma e l'antica Britannia. L'intera sovrastruttura della civiltà occidentale continua a usare le stesse parole e simboli, ma la maggior parte delle persone non lo sa. Non riescono nemmeno a vederli. Sono nascosti in bella vista.
Vi sembrano deliri di un imbecille? Beh è perché sono deliri di un imbecille! Un ultimo pezzo, poi lasciamo a quelli di voi che soffrono d'insonnia il piacere di leggere la boiata completa:
JM: Posso sollecitare la gente ad essere consapevole del fatto che sia in corso una guerra per la sua anima. Una guerra spirituale. Sai, in filosofia è sempre esistito questo problema; tutti i grandi filosofi si sono chiesti se siamo corpi che hanno sviluppato uno spirito, oppure spiriti incarnati in un corpo. Cosa viene prima, l'uovo o la gallina? A mio avviso non conta molto. In questo momento conta solo che è in corso una guerra scatenata da qualcuno o qualcosa di diabolico, che è anche un acerrimo nemico di chi ci ha creati.
Sono del tutto convinto - senza ombra di dubbio - che esistano esseri alieni rettiliani, anche se non ne ho mai visto uno, grazie a Dio. Ma credo che siano qui. Non per via dei libri di David Icke, né per i racconti di Credo Mutwa, uomo meraviglioso, affascinante, che amo ascoltare e che con David Icke ha fatto grandi cose. Ho preso coscienza della presenza dei rettiliani dopo una serie di esperienze e ricerche del tutto personali. Negli ultimi anni ben otto persone, otto persone diverse, tutte molto credibili, mi hanno descritto le loro esperienze con alieni dell'aspetto rettiloide. Tra cui un pilota di linea di una grande compagnia aerea, la figlia di un alto grado dell'esercito americano, ed un uomo molto ricco di Las Vegas; per inciso, una persona molto cristiana e molto ricca e molto intelligente.
Posso dire che la situazione in cui oggi si trovano gli Stati Uniti d'America sia stata ordita e finanziata dal Vecchio Continente con l'intento di distruggere la nostra cultura. Posso dire che la Massoneria europea è molto coinvolta nell'opera di distruzione dell'America, e che per comprendere questo gioco è necessario comprendere come l'America fu fondata con la forma giuridica di società di proprietà privata. Argomenti simili richiederebbero giorni e giorni di discussione.
Si tratta della mia opinione, l'opinione di un uomo, ma adesso vi dirò cosa penso di ciò sta accadendo sulla Terra. Ciò che chiamiamo Illuminati era un ordine religioso spagnolo, che poi si trasformò nei Gesuiti. Dunque secondo la mia opinione in realtà Gesuiti ed Illuminati sono la stessa cosa.
Passiamo su the living spirits of rapa dove la solita cristina bassi ci presenta la continuazione del delirio di un altro personaggio che abbiamo già incontrato:
Sì proprio simon parkes figlio e padre di un alieno vediamo che cosa ci racconta:
COSA VOGLIONO GLI ALIENI DA NOI?
Quando la gente fa questa domanda presume che ci sia solo un tipo di alieni. E questo è il punto. Non è cosi.
Alcuni rettiliani sono di 4a dimensione altri no. Per i primi raggiungerci qui richiede solo alcuni secondi, per altri, in quella dimensione… anni. Nella vostra condizione umana potreste passare 50- 60 anni in una navicella spaziale spostandovi da un posto all’altro. Dovete percio’ identificare un sistema di spazio e/o tempo in relazione agli alieni.
PERCHE’ NON SI FANNO RICONOSCERE?
Perchè non vogliono essere riconosciuti. Se tutti li vedessero ci sarebbero persone armate di fucile per questo e le forze di difesa del paese sarebbero allertate e certamente alcuni della Elite che lavorano con questi essere infradimensionali o extraterrestri, non voglio che voi sappiate.
E SULLA TECNOLOGIA?
Ogni governo del mondo ha un certo numero di persone a cui sono dati tutti i ragguagli su questo e che sanno tutto. Avete visto per esempio l’ex Ministro della Difesa del Canada che si è esposto sul tema, che era totalmente informato, ma potete avere leader della CIA che non sanno nulla.
(domanda dal pubblico) …. si l’Ex Ministro canadese ha detto che era informato dell’esistenza di ca 50 razze…perchè questa è la info che la sua Intelligence gli aveva messo sulla scrivania, ma se aveste parlato con gli Americani (che sono la massima rete della Intelligence) vi avrebbero dato un numero decisamente superiore, per non dire dei Russi.
Ancora un po':
Un EXTRATERRESTRE significa :
un corpo biologico che ha viaggiato fino qui e non a lungo. C’è un maschile e un femminile e fanno figli.
UNA ENTITA’ EXTRADIMENSIONALE significa :
che è della 4,5,6 dimensione ed oltre, che ha viaggiato fino a qui in una astronava e ha aperto un portale e lo ha attraversato dimensionalmente Se qualcuno si trova nelle vicinanze dell’astronave ,è possibile che vega colpito da malattia da radiazione e da ustioni. Perchè quando l’astronave giunge da una realtà all’altra, c’è uno scoppio di energia e se sei troppo vicino, ti ustioni
UNA ENTITA’ INTRADIMENSIONALE
è una entità che esiste tra la 3 e 4 dimensione; preferisco usare la parola “jinn”: sono esseri che vivono letteralmente tra le due dimensioni e i Satanisti, gli Illuminati Oscuri e i Maestri di Magia Nera sono in grado di evocare queste entità dallo spazio interdimensionale . Dal Vecchio Testamento, il Re Salomone, aveva un Jin che chiamava a sè e che lo aiuto’ a costruire il suo palazzo. In Occidente non li prendiamo molto seriamente e li paragoniamo agli esseri delle fiabe, ma in Oriente è altra cosa e il Corano dice anche come disfarsi di loro. Hanno afflitto l’umanità per migliaia di anni.
Aspettiamo con ansia nuove rivelazioni!
 Per concludere parliamo della nostra principessa guerriera che ultimamente sembra ossessionata dal programma televisivo "amici" (di cui, siamo orgogliosi di dirlo, non abbiamo mai visto nemmeno una puntata...)
Anche ieri sera hanno salvato l’incappucciato. Che pagliacciata. Si sono visti “talentuosi artisti”, serata dopo serata, smettere di sognare, di essere felici, e cedere il loro meritevole posto a fronte di un rapper avanzare, comodo, comodo, che non vale la metà del loro talento.
Hanno scomodato pure quell’ipocrita dalla bocca piena… di parole che ha raccontato si, una storia toccante… ma qui si parla sempre di talento, talento vero di una ballerina di colore che è riuscita a raggiungere la sua meta, a far divenire realtà il sul sogno: appunto perché lo meritava! E’ riuscita per la sua tenacia, forza, e ripetiamo “talento”…senza “l’aiuto di nessuno”. Ma che paragoni facciamo?
E’ come dire bevi quest’acqua. Ti sembra “torbida”, puzza un po’ ma bevila lo stesso: perché sono io che te la sto dando.
Quindi, si ospita uno scrittore e dalla sua parabola il tutto si spera si placherà, compreso le polemiche, le critiche, le lamentele… Io non credo.
E’ chiaro che dalla scelta finale della giuria si nota che si va sempre a salvare l’incappucciato mentre, gli altri talenti più talentuosi di quest’ultimo fresco come una rosa, talenti che hanno anche loro il diritto di sognare, di essere felici perché davvero bravi, sforzato al massimo il loro corpo, le loro corde vocali, sudato non poco per difendere il loro posto nel programma, poi debbono amaramente lasciare andare il loro sogno nel proseguire verso la finale, lasciare andare la loro felicità… ma che paragoni facciamo? Ma che difendi a fare? …. ma fammi il piacere!
Sta perdendo colpi la nostra xena-mariella, non ha scritto nemmeno una volta la parola massoni, e nemmeno luciferini!!!
Parata finale
 Ecco il komandante, il komandante koenig naturalmente, che ci racconta quello che vede (dal terrazzino?)





1 commento:

  1. 1) "Smon parkes figlio e padre di un alieno"
    Già: proprio "Parkes' son"... anzi, scritto meglio: Parkinson.
    E già che ci siamo, pure un po' (tanto) di Alzheimer precoce, in sovrapposizione alla sua eredità genetica (vedi cotanto padre) per la quale è già più fuori di uno Sputnik.
    Il quadro clinico è così completo.

    2) "Oggi diversi in giro per la città..."
    Chi? Il fratello acconguagliato e altri due piccioni incontrati mentre cammina sul terrazzino? ...Ma quale città!

    RispondiElimina